Settore alimentare, basta confusione e dubbie interpretazioni. Ecco l’elenco aggiornato di chi è autorizzato a lavorare.

Home/News/Settore alimentare, basta confusione e dubbie interpretazioni. Ecco l’elenco aggiornato di chi è autorizzato a lavorare.

La CNA di Pesaro e Urbino indica quali imprese possono continuare a lavorare, pur nel rispetto delle regole imposte dal DPCM

Settore alimentare, basta confusione e dubbie interpretazioni

Ecco l’elenco aggiornato di chi è autorizzato a lavorare

PESARO – C’è stata molta confusione in questi giorni sulle attività del settore agroalimentare e che in qualche modo garantiscono la fornitura di generi di prima necessità e garantiscono la filiera che possono rimanere aperte in base all’ultimo decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Ora arriva finalmente un elenco aggiornato da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ma occorre ricordare alcune regole generali. Quali?

Come si sa le attività della ristorazione rimangono chiuse al pubblico, se non per la sola consegna a domicilio e nel rispetto delle regole di igiene e sicurezza. Stessa cosa dicasi per pizzerie al taglio e al piatto, pasticcerie, gelaterie. I bar e le caffetterie rimangono chiusi. I tabacchi possono rimanere aperti ma debbono sospendere l’attività del bar (ovviamente per coloro che ne sono dotati). Tutti i laboratori di produzione a servizio dei negozi alimentari sono consentite (panifici, paste fresche, macellerie, pescherie, produzione salumi, formaggi, ecc); gli stessi possono effettuare vendita al dettaglio nei propri negozi secondo le regole del dpcm. Attenzione però: gli stessi laboratori però non possono più produrre gastronomia cotta se non consegnando al domicilio del consumatore. Per la consegna a domicilio, inoltre, secondo le attuali interpretazioni, non è previsto divieto di spostamento in altro Comune diverso da quello di produzione (occorre sempre l’autocertificazione che indichi luogo di partenza e destinazione della consegna).  Ma ecco in dettaglio le attività del settore alimentare e agroalimentare che potranno svolgere la propria attività, per con alcune limitazioni previste nel Decreto.

Vediamole in dettaglio:

Ipermercati

Supermercati e discount

Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari

Commercio al dettaglio di prodotti surgelati

Empori ed altri negozi non specializzati di vari prodotti non alimentari

Commercio al dettaglio di frutta e verdura fresca

Commercio al dettaglio di frutta e verdura preparata e conservata

Commercio al dettaglio di carni e prodotti a base di carne

Commercio al dettaglio di pesci, crostacei e molluschi

Commercio al dettaglio di pane

Commercio al dettaglio di torte, dolciumi, confetteria

Commercio al dettaglio di bevande

Commercio al dettaglio di latte e prodotti lattiero-caseari

Commercio al dettaglio di caffè torrefatto

Commercio al dettaglio di prodotti macrobiotici e dietetici

2020-03-27T10:16:59+00:00