Bagnini, da Rimini in arrivo buone notizie sulle concessioni Soddisfazione degli operatori pesaresi

Home/News/Bagnini, da Rimini in arrivo buone notizie sulle concessioni Soddisfazione degli operatori pesaresi

Plauso degli imprenditori della CNA alle modifiche sul decreto che riguarda le concessioni demaniali

Bagnini, da Rimini in arrivo buone notizie sulle concessioni

Soddisfazione degli operatori pesaresi

PESARO – Buone notizie sono arrivate anche ai balneatori pesaresi nel corso dell’assemblea nazionale della categoria svoltasi ieri a Rimini.

Ad esprime soddisfazione è CNA Balneatori in particolare sulle modifiche apportate dalle Commissioni parlamentari al testo del Ddl di revisione e riordino della normativa sulle concessioni demaniali marittime.

“Un testo – dice la portavoce nazionale di CNA Balneatori, Sabina Cardinali –  integrato e migliorato, rispetto a quello varato dal Governo, grazie alla proficua interazione tra le principali forze politiche e la nostra associazione, di cui sono state recepite praticamente tutte le istanze”.

CNA Balneatori l’assemblea nazionale a Rimini con la partecipazione di circa 500 imprenditori e di parlamentari, amministratori regionali, avvocati esperti della materia.  “Per garantire la continuità aziendale alle oltre 30mila imprese balneari (250 quelle lungo il litorale della provincia di Pesaro e Urbino ovvero da Gabicce a Marotta – prosegue la Cardinali – è arrivato il momento di risolvere alcune questioni chiave. Va precisata la nozione di legittimo affidamento, vale a dire il riconoscimento della continuità aziendale alle imprese che operavano prima che entrasse in vigore la direttiva Ue servizi e venisse notificata all’Italia la relativa procedura d’infrazione. Si deve riconoscere che nel nostro Paese le spiagge non sono una risorsa scarsa, in quanto in Italia i litorali posseggono spazio sufficiente anche per nuovi operatori”.

“E’ necessario definire – conclude la Cardinali –  il concetto di periodo transitorio, entro il quale non andrà in vigore la direttiva europea, che riteniamo debba terminare solo fin quando le nuove concessioni esauriranno le coste ancora disponibili”.

 

 

2017-10-16T13:34:55+00:00